Outlook temporali per lunedì 10 giugno 2019



  • windy first.png

    Si avvicina da ovest la perturbazione che in questi giorni ha insistito su Francia e penisola iberica determinando un'intensa avvezione di aria calda africana verso la penisola italiana.

    Il richiamo di forti venti meridionali farà impennare i parametri convettivi su gran parte del nord Italia. I modelli a scala locale mostrano infatti picchi di 3000 J/Kg pronti ad essere utilizzati dai sistemi temporaleschi, shear compreso tra i 25 e i 30m/s , e forte elicità stimata sui 380-400 m2/s2.

    Saranno possibili forti temporali supercellulari di lunga durata capaci di produrre grandine di grosse dimensioni e colpi di vento davvero intensi, attenzione anche alle cumulate, in certi casi molto elevate.

    windy first.png

    Piemonte, Valle d'Aosta e Lombardia

    Situazione poco chiara dai principali modelli a scala locale che si trovano in disaccordo sull'orario di inizio dei fenomeni e del loro interessamento dei settori pianeggianti. Sarà una situazione molto delicata, dove a lavorare saranno le convergenze al suolo che potranno vincere il cap (strato di inversione che inibisce la convezione) presente sulle pianure, nonostante ciò è doveroso segnalare la possibilità di temporali molto forti. Dal pomeriggio e per tutta la serata rischio di fenomeni molto forti a partire dal Piemonte occidentale in estensione verso est.

    Nelle aree contraddistinte dal livello (2 e 3) saranno possibili sistemi autorigeneranti con cumulate molto elevate e rischio di disagi, probabili supercelle in coda ai sistemi (tail end charlie supercell) a causa del forte flusso sud orientale che scorrerà dall'adriatico sino al Piemonte e che darà lo spin per la rotazione, con grandinate di grosse dimensioni e colpi di vento. Prestare attenzione

    Jacopo Zannoni #Zenastormchaser #Windy

    https://www.windy.com/annotation/5cfe0cf07cfb4000196744ca


Log in to reply
 

Windyty, S.E. - all rights reserved. Powered by excellent NodeBB
NodeBB & contributors, OSM & contributors, HERE maps