Così, come nelle 10 piaghe d'Egitto, le cavallette invasero la Sardegna



  • Da oltre 20 giorni, milioni di cavallette stanno invadendo la Sardegna, precisamente la cittadina di Nuoro e proprio come nelle 10 piaghe d'Egitto, oltre 2mila ettari di terreno sono andati distrutti.

    La Coldiretti ha lanciato l'allarme di come molte aziende agricole si stanno trovando in grossissima difficoltà ad affrontare questo problema con pascoli completamente assenti e da edifici invasi.

    La presenza massiccia di questi insetti, scrive Coldiretti, sta distruggendo e impoverendo tutto, a cominciare dai pascoli e dal foraggio, per finire ad infastidire anche le persone nei cortili e nelle proprie abitazioni.

    Photo by: La Repubblica

    IL LORO SVILUPPO

    I mesi di giugno e luglio, sarebbero i mesi favorevoli per la loro diffusione, quest'anno soprattutto per il repentino cambio di temperatura avuto nelle ultime due settimane.

    Si sviluppano nei terreni incolti per poi dirigersi in quelli coltivati per nutrirsi e sta diventando una vera propria emergenza, alla quale, secondo gli esperti, non ci sarebbero dei rimedi, perché gli insetti stanno raggiungendo la fase di maturazione, e qualsiasi trattamento potrebbe risultare poco efficace e quindi si spera in un predatore naturale che pian piano li possa debellare, anche se si stanno disperdendo.

    Nuoro :Sardegna.png

    Si pensa, inoltre, che il massiccio sviluppo di questi insetti è dovuto ai cambiamenti climatici, alle terre incolte e ai lunghi periodi di siccità che in questi ultimi anni stanno colpendo l'Italia con lunghi periodi di assenza di piogge, venti forti e molti altri fenomeni paranormali che in Italia non si vedevano da molto tempo.

    L'Italia, poi, proprio come in Egitto, sembra essere bersagliata dalle piaghe, un'altra, è infatti, quella delle Cimici Asiatiche, altri insetti, che stanno invadendo tutte le regioni da Nord a Sud, arrecando seri danni all'agricoltura.



Windyty, S.E. - all rights reserved. Powered by excellent NodeBB
NodeBB & contributors, OSM & contributors, HERE maps